Anna Utopia Giordano

Leave a comment

La notte cadeva bagnata e piena, trasparente solo all'ombra, svogliatamente torturava gli umani e col suo unico occhio elastico piangeva sui navigli ghiacciati.
Guardava oltre il vetro, là vivevano i suoi animali: collezione prestigiosa di modelli virtuali, addestrati dalla domatrice di leoni, una figura materna alta e massiccia vestita di vivace verde acerbo e viola elettrico. I loro movimenti elementari e arrugginiti staccati singolarmente dai circuiti si scaricavano dagli impulsi senza produrre energia, costruiti di convinzioni e sortilegi e spogliati dai dialoghi appassiti parevano infernali robot lebbrosi. Suicidi senza volontà innalzavano tutti domande senza punteggiatura…come palazzi dipinti su scatole di fiammiferi costruiti volutamente senza accesso alle uscite d'emergenza  e demoliti senza permesso, uccidendo gli inquilini e i loro animali. Le parole accarezzavano il cambiamento, protese ad appendersi limacciose alle caviglie e gettate vuote sulla serata si urtavano cercando il valore massimo, superandosi incidentalmente quando s'accorgevano di sbiadire.
Quella lei trascurabile intanto, dimenticandosi di sorridere, respirava lentamente e guardava quel tutto fermo e consistente – gli oggetti rimanevano assurdamente immobili ed elementari lì dove erano stati allestiti – poi, scegliendosi un poco più instabile e meno simmetrica, connetteva armonia esteriore e involucri barocchi alla perfezione delle vibrazioni. Aveva di fronte rose persiane soffocate senza sole, una visione triste di fiori morenti riassunta dentro a un viso segnato da battaglie rovinose a cui s'era arreso in cambio di piccoli vuoti lamentosi e concluso in uno sguardo preoccupantemente fragile, pallido e geometrico che velava la sua anima intrasmissibile.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s