Anna Utopia Giordano


Leave a comment

Del 2016 / I will always remember

le “cose” – res – che ho costantemente protetto dal (non)luogo-comune dei social network,
Vanitas / Ephemeral (like a #like4like),
Le verità necessarie e quelle contingenti,
Liminarità,
L’orizzonte degli eventi,
Jaṅgala e l’arco polilobato,
L’isola dei lestofanti e dei cavalieri,
No Humans in tour,
coding (and coding.. and coding again…)!
Inclinazione di 20° o 40°,

e, come ogni anno, tutti coloro con cui ho collaborato!

Advertisements


Leave a comment

Del 2015

I will always remember…

inseguire le nuvole,
treni, continuamente,
M/M/M: Museum Factory, Mediateur e il Museo Irpino
+ FRAC
-3,97° (finalmente!),
いき
lumi e asteroidea,
“Go to your broken heart. If you think you don’t have one, get one.”
something OnAir here with me,
encoding&decoding,
e tutti coloro con cui ho collaborato quest’anno!


1 Comment

Del 2014

Del 2014

The beginning in Naples on that balcony and the fireworks all around.
Il sapore del limone sugli spaghetti e quello del sale delle lacrime.
200 pagine + Prometeo + il bugnato + una missione + un fantasy “tratto da una storia vera, vecchia almeno 500 anni”.
Scegliere i nomi. Sceglierli ancora. Sceglierli di nuovo.
Pomeriggi interi di video-editing.
2DayBit, my sweet B, embroidered, embellished and PONO: questo è il creato!
Il set fotografico più assurdo della mia vita: salvare ragni sul Ticino e correre sotto molta – troppa! – pioggia inattesa, fino a perdere le scarpe.
Un mazzo di carte potenzialmente infinite: tutte 6 di cuori. E tutte, alla fine, bruciate. Il motivo? “Non so” e probabilmente non lo saprò mai. I miei occhiali da sole. Le tenebre, il buio, il blu della notte quando la luce delle stelle si vede meglio… ed una gazza ladra che invece si accontenta: attratta da ciò che luccica più che da ciò che illumina. “L’amore non basta”.
Il signore della guerra, un elfo e l’amico immaginario.
Viaggi, texture, tramonti, borghi, nuvole, fiori, porte, finestre, sfumature e palettes cromatiche.
Frenk & Tiger: il manager e la guardia del corpo migliori del mondo!
“Lose yourself to dance!” (*Perdi te stesso alla danza!*): La giogaia, la bellezza trionfante, la bellezza che si dispiega. Tornare a truccare gli occhi.
Nuove pubblicazioni dall’America fino al Japan Times per i 40 anni di Hello Kitty.
L’affetto per una intera famiglia a cui vorrò sempre bene.
La neve, finalmente. Un 2014 che non avrei voluto lasciare così e invece sembra che “this is the end”.
Oggi, le 23.56: scrivere le ultime parole di quest’anno…
… e, come ogni anno, ringraziare tutte le persone che mi hanno sostenuto nei miei progetti e quelle che ho sostenuto io. Grazie!


Leave a comment

10 (other) things (maybe) you do not know about me

#1
A giugno il mio blog compie 10 anni!

In June my blog celebrates 10 years!

#2
Mi piace organizzare feste a tema o in maschera, soprattutto ad halloween o carnevale. A Milano, a causa dell’overflow di invitati, una volta ho dovuto ingaggiare un’impresa di sicurezza per controllare l’ingresso di casa!

I like organizing themed and costume parties, especially for halloween or carnival. In Milan, due to the overflow of guests once I had to hire a security company to supervise the house entrance!

#3
Quando ero piccola leggevo volentieri i libri di Pinin Carpi.

When I was a child I gladly read books by Pinin Carpi.

#4
Nonostante il lavoro da fotomodella, preferisco non essere fotografata durante feste e serate a meno che io non sia in compagnia di amici con cui ho un legame molto stretto.

Despite my work as photomodel, I prefer not to be photographed during parties and events unless I am with friends with whom I have a very close relationship.

#5
Riparo e assemblo qualsiasi tipo di computer. Geekside mode on!

I fix and assemble any type of computer. Geekside mode on!

#6
Sembra che io abbia un unico terribile difetto: a volte, quando e se sono un po’ pensierosa e non sono da sola, indosso gli occhiali da sole. Anche in casa.

It seems I have just one terrible flaw: sometimes, when and if I’m a little thoughtful and I’m not alone, I wear sunglasses. Even at home.

#7
Nel lontano 2009 ho scritto e registrato un pezzo rap, evoluzione delle mie rapsodie. Non l’ho mai pubblicato e in pochi, oltre al beat-maker e alcuni amici, lo hanno ascoltato.

Way back in 2009, I wrote and recorded a rap song, the evolution of my rhapsodies. I never published it and few people, besides the beat-maker and some friends, have listened to it.

#8
Molti dei vestiti che indosso appartengono all’armadio di mia madre, è la mia stylist super favorita!

Many of my clothes belong to my mother’s wardrobe, she is my super favorite stylist!

#9
Il mio limite. Attualmente (forse) mi limita, a livello strettamente tecnico, la perenne “vita in valigia”. Mi piace viaggiare ma ho bisogno di un po’ di riposo e tempo da passare con le persone a cui voglio bene! :)

My limit. Currently (maybe) I am limited in a strictly technical level, by the continuous “packed up life”. I like to travel but I need a little rest and time to spend with the people that I love! :)

#10
Negli ultimi mesi ho guardato decine di puntate pilota di serie web e televisive: sto scrivendo una web-serie e, non avendo il televisore in casa da almeno un decennio, avevo bisogno di documentarmi circa le ultime tendenze.

During the last months I have watched dozens of TV and web series pilot episodes: I’m writing a web series, and since I do not own a TV from at least a decade, I needed to update about the latest entertainment trends.


1 Comment

Del 2012

28 gennaio 2012: riscoprire la Prima Fonte di Ispirazione
Internet, my only real home, e il giro del mondo in poche ore.
Land in Eden
La stella della sera – e quella del mattino – visibili a Nimega… insieme a the Illusionists!
12°C ad agosto, BubbleTeaBoxParkPopUpShopWhiteCliffs, una casa in 3 giorni, panchine a pagamento e “marrone + ciano”.
La moneta nel Tamigi in attesa di un bancomat.
Il Gilet smarrito e le righe b/n.
Il mio taccuino più triste.
Turn It Off“: non farlo. E sopportare gli intrecci. E la direzione delle scelte… in quanto “You are stronger than this“.
How to suffer.
Slegare i nodi (bianchi e rosa e rossi), 10 piani, i fuochi d’artificio, le campane, il cigno nero, la processione, le confessioni, le performances, le origini, i nomi, l’etimologia, i numeri, rimanere ancorata, rompere, il solaio, un lapsus, Er, energia statica, volontà dinamica out of control.
Ancora di più, i registri linguistici.
Gli ISO dei Fotogrammi.
l’Altra Parte: un Mondo senza di Noi denso di Caos… con uno psicocristallo.
Le iniziali dei miei sogni.
Il corpo e le Naked Truths.
Due pesi, due misure… in realtà identici e tutto rimane fermo (di nuovo).
E, a un giorno dal 2013, una sorpresa.