Anna Utopia Giordano


Leave a comment

Lonsdaleite

Received Order Given Expect Results.

Distruggendo Petra, in fondo,
dove tutto è uno e più.

L’ultima volta, era il tuo compleanno…
rilassati i vincoli, sembro (?) più vicina.

In quella casa, nel quartiere di Cordova, si difendono le stelle
più in là, qualcuno si lamenta: “Tutto si è rotto nel mondo, non resta che il silenzio“.
Bisogna crederci, lo dice Lorca. E il libro è tuo.

Lei non mi ascolta, non può.

Dal semilunare fino alla dodicesima,
(non ricordo quasi più il motivo):
racchiuso in uno spazio affine.

Grana ultrafine, sciolta nel fiume,
lo stesso abisso tra Ulisse – rivolto a Krubera –
e le sirene, verso lo zenith,
السَّمْت speculari,
schiena contro schiena.

Gli ho ricordato che Jim Morrison è morto,
ho bisogno di musica nuova: nanocrystalline material,

dopo… troppi numeri,
non giocavo con le Barbie, arredavo solo le loro stanze.

Ora,
cerchi una lettera, trovi tutto.

K

Advertisements


1 Comment

∞-sfera

Larghissimo, stringendo o tardando a capriccio / 27 bpm

(“spooky action at a distance”)

Distillate le giunture
di una goccia di pioggia,
mi sento a casa,

sotto,
il fondo / l’abisso,
sopra,
galleggio,

sopra,
la notte / l’abisso,
sotto,
galleggi.

Tinte le parole,
tra i bordi bruciati,
coalescenti e pallidi,
t’osservo…

Alla luce,
(quasi mai).

All’ombra,
nella mia ombra.

Al buio,
nel rumore dei tuoi sogni.

E tra sapore di sangue
e polvere di fantasmi,
il ritmo del silenzio del tuo respiro
e stelle di corniolo avvinghiate
nei miei capelli,

ti addormenti

e mi risvegli,

mi addormenti

e ti risveglio.


Leave a comment

Rapsodie, 2DayBit and new projects!

Some of my poems, two unpublished until now, are featured in the June issue of  Le reti di Dedalus, in the Audio Poetry section.
The direct link to the audio file and to the downloadable pdf is http://www.retididedalus.it/Archivi/2014/giugno/audio_poetry/3_giordano.htm

Last week I was in Rome for a new photo set with photographer Paolo Del Frate and the make-up artist Deborah Tufano, I’ve seen the previews: cool stuff online soon!

I’m writing something different from poetry lately. It is a rather long work especially for the endless historical research that I am conducting in order to give a good base to the final product, in spite of this I think that it will be ready by the end of August. I found the perfect place for writing in Campania, a very nice café where the homemade ice cream is great. I admit that sometimes (always!) I miss the café in New York or Milan, but here there are fewer distractions. However, I scheduled a trip to Milan next month for some collaborations (and I’m so happy to meet all my friends!).

After the release of my last visual project #BornToBeVirtual (Oct. 2013), I’m also working on two new digital series.

One last thing: the blog of the new project 2DayBit is officially online, it is updated by me and my friend Alice. Yes, I know, someone will say: “Does the world really need another fashion blog?”. Well, do not worry: it’s not exactly a fashion blog, let’s say – for now – that the “fashion thing” is just a “cover”.
A cover for what? You will see in the coming months!

A huge thanks to all my supporters!

2daybit

 

 

 


1 Comment

Er

Ripristinare il bianco,
i colori pastello,

la volontà. Di.

La prima luce non bastava,
avanti: fino alla seconda

e

non c’era niente

e

non c’era niente

e

guardavo il ferro, a terra, correndo

e

non c’era niente

e

poi credevo di doverla
battezzare. Aveva sete.

Gli abiti sono scomparsi,
intrecciando i nastri,
nell’acqua.

L’intorno si espande,
trascina le tendenze,

ma io.

Ma io.

Non ho più la forza e
anche Ulisse ha scelto una
vita qualunque.

Ph: Tommy Napolitano, Assistant: Riccardo Freggia, Model/Mua/Hair: Utopia, Styling: Petra Blurr, Location: Dover – White Cliffs, thanx to Iabo


2 Comments

Lapsus

Premendo a scintille,
Ηλεχτρον

futuro del passato
il mio nome
lo stato (di cose)
il rumore

come se Avogadro
potesse pentirsi
di essere (stato).

(forse) Dante per paura era puro.

«Maiori forsan cum timore
sententiam in me fertis
quam ego accipiam
»

c’è abbastanza pensiero
per fare esistere l’idea ?

non credono in dio:
ma nel diavolo?

li ricordo tutti.

mi ricordo che sono stata
mi ricordo che cosa sono stata
mi ricordo che cosa potevo essere
mi ricordo che cosa non potevo essere
mi ricordo chi sono
mi ricordo chi sarò

att(u)o infinite potenze,
viceversa.

Solo una è precisa.

Sono (alla) punta.

| Valore |
è una parola
iperinflazionata.

per me le poche persone buone
avevano troppa paura.

E(p)pure io.

Ambiente controllato.
Ambiente puro.

Lascio il limite,
lascio le antenne.

Il sospetto di essere
pensiero libero.

Ancora.