Anna Utopia Giordano


Leave a comment

Desynchronosis / Systempunkt

On the ground / Via Celoria, 20 – Unimi – Milano

Per vedermi come mi vedi tu.

Il coltello era ustionante e l’acqua troppo fredda,

forse.

 

 

Advertisements


Leave a comment

Del 2017 / I will always remember

Idea Fulgente: “tu sei brava, sei sempre stata brava!”.
L’implicazione,
P, NP, NP-Completeness,
Don’t Care / Don’t Know & The Wumpus,
Vanilla(Mi).
Splitbrain, blindsight, prosopoagnosia, neglect, anosognosia per emiplegia + anosognosia somatosensoriale,
!, fail.
(Deep Blue) Sea on the wall.
“Senza pane mangiate!?”
Vuoto.
“He is a priest.”
Red light under my fingers… 
Begriffsschrift, Thomas Bayes e i dadi.
POPbottles lost in the Internet.
The end of the October Opening Frame: Halo.
Shadow times shadow equals light (?).
I loop, dietro ogni angolo.
ISO9241.
RadioWai (They Are Incredible!)
1, 2.. November 3rd (“non dirlo, fallo!”/ WIMP) e il 4 di spade.
“Gli errori erano dovuti all’infinito” (M. O.)
M. Kimmel & A. Aronson  + T. S. Weinberg & S. Newmahr
Amore che vieni, amore che vai…
…1878774798993128,

mancanza.


Leave a comment

Del 2016 / I will always remember

le “cose” – res – che ho costantemente protetto dal (non)luogo-comune dei social network,
Vanitas / Ephemeral (like a #like4like),
Le verità necessarie e quelle contingenti,
Liminarità,
L’orizzonte degli eventi,
Jaṅgala e l’arco polilobato,
L’isola dei lestofanti e dei cavalieri,
No Humans in tour,
coding (and coding.. and coding again…)!
Inclinazione di 20° o 40°,

e, come ogni anno, tutti coloro con cui ho collaborato!


Leave a comment

Del 2015

I will always remember…

inseguire le nuvole,
treni, continuamente,
M/M/M: Museum Factory, Mediateur e il Museo Irpino
+ FRAC
-3,97° (finalmente!),
いき
lumi e asteroidea,
“Go to your broken heart. If you think you don’t have one, get one.”
something OnAir here with me,
encoding&decoding,
e tutti coloro con cui ho collaborato quest’anno!


1 Comment

Del 2014

Del 2014

The beginning in Naples on that balcony and the fireworks all around.
Il sapore del limone sugli spaghetti e quello del sale delle lacrime.
200 pagine + Prometeo + il bugnato + una missione + un fantasy “tratto da una storia vera, vecchia almeno 500 anni”.
Scegliere i nomi. Sceglierli ancora. Sceglierli di nuovo.
Pomeriggi interi di video-editing.
2DayBit, my sweet B, embroidered, embellished and PONO: questo è il creato!
Il set fotografico più assurdo della mia vita: salvare ragni sul Ticino e correre sotto molta – troppa! – pioggia inattesa, fino a perdere le scarpe.
Un mazzo di carte potenzialmente infinite: tutte 6 di cuori. E tutte, alla fine, bruciate. Il motivo? “Non so” e probabilmente non lo saprò mai. I miei occhiali da sole. Le tenebre, il buio, il blu della notte quando la luce delle stelle si vede meglio… ed una gazza ladra che invece si accontenta: attratta da ciò che luccica più che da ciò che illumina. “L’amore non basta”.
Il signore della guerra, un elfo e l’amico immaginario.
Viaggi, texture, tramonti, borghi, nuvole, fiori, porte, finestre, sfumature e palettes cromatiche.
Frenk & Tiger: il manager e la guardia del corpo migliori del mondo!
“Lose yourself to dance!” (*Perdi te stesso alla danza!*): La giogaia, la bellezza trionfante, la bellezza che si dispiega. Tornare a truccare gli occhi.
Nuove pubblicazioni dall’America fino al Japan Times per i 40 anni di Hello Kitty.
L’affetto per una intera famiglia a cui vorrò sempre bene.
La neve, finalmente. Un 2014 che non avrei voluto lasciare così e invece sembra che “this is the end”.
Oggi, le 23.56: scrivere le ultime parole di quest’anno…
… e, come ogni anno, ringraziare tutte le persone che mi hanno sostenuto nei miei progetti e quelle che ho sostenuto io. Grazie!