Anna Utopia Giordano


1 Comment

Casualità uro-finniche, ed altre idee. Volume 1-D: tendíne

Ci sono pezzi che bisogna condividere, come il nuovi singolo degli ĄVØ: Casualità uro-finniche, ed altre idee. Volume 1-D: tendíne.

Ringraziando sempre Galileo.

(b)ananartista® SBUFF

Da qualche giorno faccio parte di un nuovo gruppo, gli ĄVØ.
E questa è la nostra nuova hit estiva (ed autunnale)(ma potrebbe durare in eterno).
E’ un’emozione fortissima potervi già presentare questo singolo che non è tratto dall’omonimo album che s’intitola “Impressione Totalizzante“.
(Ascoltatelo qui: https://cscc.bandcamp.com/album/impressione-totalizzante).

Noi siamo Lio Drocas, Cléophée Delacroix, Circio Gnioing Matongo, Pronomicon, (b)ananartista orgasmello sbuff sbufiz, Natasha Tornelli (moglie illegittima del noto accademico Andra Torelli) e pensiamo non all’unanimità che ciò non possa essere un caso.

Tu cosa ne pensi?

View original post

Advertisements


1 Comment

14 e 15

AnnaUtopiaGiordano_14e15

Il mio inedito “14 e 15” ė stato pubblicato oggi su Il Cucchiaio nell’Orecchio, quotidiano di scritture: https://www.ilcucchiaionellorecchio.it/2019/07/14-e-15/

Ci tengo a ringraziare Francesco Gambaro, scrittore, giornalista e fondatore de Il Cucchiaio nell’Orecchio, che purtroppo posso conoscere in questa vita solo attraverso le sue poesie e le affettuose parole dei suoi compagni;
Gaetano Altopiano per aver approvato e pubblicato il mio testo e per avermi rassicurata con pazienza riguardo la perdita della formattazione originale (visibile nell’immagine di questo articolo);
Alfonso Lentini per avermi chiesto se fossi interessata ad una pubblicazione e per aver scelto, inconsapevolmente, proprio il momento in cui avevo estremo bisogno di “buttare fuori”;
Gualberto Alvino, che per me rappresenta la lingua italiana, per essere sempre disponibile a leggere e mettere in crisi le mie parole;
Jack Hirschman e Agneta Falk, conosciuti durante un loro tour italiano organizzato dalla Casa della poesia, determinanti nella mia lunga riflessione sul ruolo della scrittura;
mio fratello, forse il più spietato tra i miei critici, e le sue sveglie delle 04.05 del mattino che mi ricordano di dormire;
mia nonna per il tempo passato a cantare;
Majakovskij e Lili, Milena e Kafka, Pavese (senza Constance), Éluard e Gala che negli ultimi mesi si sono seduti accanto a me da soli, in coppia e in gruppo spronandomi costantemente a sentire di più;
last but not least, ringrazio ■ per la penombra (anche se).

 


Leave a comment

Del 2018 / I will always remember

Le Indie Orientali (sostenute),
The Island of the Knights and Knaves,
Voice First,
Progettare per l’errore,
The horizon of an Einstein-Rosen Bridge,
Roma,
Il cardias,
IBM + Quantum Computing + Watson + Pepper + Choregraphe,
Il Brasile, l’Amazzonia e i suoi fiumi, soprattutto Xingu con le 3 M: Mattia, Marta, Mirco,
He-Man,
“Ex nihilo nihil fit”,
il freddo intenso di stelle e boschi intorno a Bergamo, in cui “Da domani” canta un Fiori,
On a wall for In Vitro (A.M.),
“What can I know? What ought I do to? What may I hope for?”,
Roma,
the “Remember to close the Door” Summer Nightmare,
The magic square in Barcellona with B,
l’atto e la potenza di un giorno di mare vissuto come il gatto di Schrödinger,
storie, nuvole, fantasmi, amici ritrovati in un parco, sul treno.
Strappo.
Ombra…
[Parmenide e Antigone /
Roma, ancora, con Macro fotografie di tutte le madri di Pasolini]
…”e poi nulla, anzi, tutto ciò che non provoca conseguenze” e, invece, after the end, un po’ di poesia.
Il Cimitero delle Fontanelle (con Elia, Marina, Vittorio, l’Assessorato alla Cultura e Turismo, l’Ufficio Cinema del Comune di Napoli, la Film Commission Regione Campania),
nella musica di “Come un’ombra”,
Escape Room, Sarpi, treni (troppi), star-maker, edifici compromessi,
salvare Neruda e 14 ore di Cavalieri dello Zodiaco sulla A1,
bastava un “grazie”,
divinazione, follia telestica, poesia, follia amorosa.


Leave a comment

Performance / 2-11-2018

My voice and video for poems on and by Pasolini

Music by Un Artista Minimalista

2 November 2018 @ Godot Art Bistrot

Un Artista Minimalista

Ciao a tutti miei preziosi lettori, oggi vi segnalo un evento speciale. L’artista Anna Utopia Giordano, da tempo residente nel web, il 2 novembre 2011 porterà la sua nuova performance ad Avellino. Testi di P. P. Pasolini ed E. De Filippo, musica di Un Artista Minimalista.

AUG_1_perf1
Nel vivo della performance

AUG_1_perf1
Il continuum si addensa


Tutto è finito


La locandina dell’evento


La locandina alternativa in esclusiva per voi ragazzacci

Vi aspettiamo frequenti!

* * *

www.annautopiagiordano.it

www.unartistaminimalista.com

View original post


Leave a comment

Sogno

Stasi.

L’accarezzava.

Poi, distogliendo lo sguardo da un piccolo foro sul muro, in cui era rimasto incastrato metà chiodo arrugginito, e spostando gli occhi verso il soffitto, esitando, con tono vagamente interrogativo, sussurrò: “Se tu fossi una pietra…” e prese ad accarezzarsi con il pollice della mano destra la superficie ventrale delle dita della stessa mano.
La giusta consistenza.
“Sì, una pietra.” confermò l’altra voce, rimanendo in attesa.

L’accarezzava, sempre.

Infine, scelse una risposta e, con più decisione, dichiarò: “Sei il pianeta Terra.”

6tag_260518-160343


Leave a comment

Lonsdaleite

Received Order Given Expect Results.

Distruggendo Petra, in fondo,
dove tutto è uno e più.

L’ultima volta, era il tuo compleanno,
rilassati i vincoli, sembro (?) più vicina.

In quella casa, nel quartiere di Cordova, si difendono le stelle.
Più in là, qualcuno si lamenta: “Tutto si è rotto nel mondo, non resta che il silenzio“.
Bisogna crederci, lo dice Lorca. E il libro è tuo.

Lei non mi ascolta, non può.

Dal semilunare fino alla dodicesima,
(non ricordo quasi più il motivo):
racchiuso in uno spazio affine.

Grana ultrafine, sciolta nel fiume,
lo stesso abisso tra Ulisse – rivolto a Krubera –
e le sirene, verso lo zenith,
السَّمْت speculari,
schiena contro schiena.

Gli ho ricordato che Jim Morrison è morto,
ho bisogno di musica nuova: nanocrystalline material,

dopo… troppi numeri,
non giocavo con le Barbie, arredavo solo le loro stanze.

Ora,
cerchi una lettera, trovi tutto.

K