Anna Utopia Giordano

Lidia

Leave a comment

Profili

Lidia

tecum vivere amem, tecum obeam libens
(Orazio, Ode III 9 )

 lento ma non troppo (54bpm)

Lidia adesso aspetta. Chiede ai suoi sguardi, sul mondo appena schiarito, se almeno quando la luna scompare diventa probabile il suo pensiero verso di lui.

Lidia, rubando parole di stima, aveva preteso fiducia e gli aveva sempre raccontato suggerimenti e lampi, facendogli credere di essere solamente sua, così come solo del cielo notturno sono i pigmenti vellutati delle illusioni dorate. Aveva creato un finto possesso ordinario e tutto, intorno e vicino, era stato trasformato in magia alchemica; così i mesi trascorrevano sterili, con un poco di passione amorevole alla fine della primavera, quando gli atomi per energia vivace, già da soli, muovono l’animo lontano dalla notte.
L’attraeva di quel viso solamente lo sguardo d’ammirazione. Lo assisteva nella memoria, chiedendosi come poteva essere così ingenuo da non vedere quella durezza che lei si trascinava sempre accanto. Recitava continuamente ingannando i suoi piccoli reati, si giustificava con i libri e, in effetti, è stato per via di un atteggiamento empirico che con tutti, stessa abilità e stessi trucchi, ha potuto utilizzare senza pericoli la sua  inclinazione persuasiva.
Non si nascondeva mai dietro i gesti degli altri, teneva costantemente di fronte a sé le parole supponendole al comportamento. Costruiva le sue scelte indicandole come uniche modalità di andamento e non  temeva di incontrare doppi legami servilli in cui, lei, serviva e coltivava il successo altrui. Lidia spronava, invogliava, accompagnava verso la gloria della morte facendo della vita arte innata dei movimenti; incarnava consumandosi, a volte sopprimendosi, l’ideale che l’altro pretendeva per se stesso e insegnava ad imitarlo e riconoscerlo. Poi, a lavoro ultimato, lasciava…senza più rispondere a richieste d’aiuto: tagliava i fili che agganciavano al concreto, strofinava con unguenti senza valori e uccideva i pregiudizi che s’erano accatastati come foglie, d’inverno, vicino alle grotte e dentro i giardini.
Forse è così che Lidia aveva smesso di (ap)provare l’amore: rendendosi conto della facilità con la quale poteva scuotere e agitare quelle vite, traendone con agio sentimenti arrangiati. Lidia, trasformata in un angelo nero, sedeva su tombe mobili di carne e volontà; era una statua armonica e disinteressata, pedinava impronte trascinate di educazione sbiadita e diametri d’anatomia scoordinata poi, raggiunte, le sublimava.
Certe volte Lidia si chiedeva come appare nei ricordi: quale tessuto dell’epidermide gli altri le attaccavano contro, quali colori associavano ai suoi segni e come si può essere descritti nelle fiabe, nei sogni..così i suoi lamenti, i suoi sospiri, la lasciavano sulle giornate come sabbia mischiata a pioggia estiva.. quelle piogge che respirano il fascino degli umani facendone sintesi d’incendi esauriti.
La sua era stata un’esistenza densa, ferma solo su alcuni gradini crepati…ma il suo primo ricordo le era  stato sempre vicino: fotografia nitida dei suoi primi passi in una giornata nebbiosa, assuefatta dai tuoni del novilunio.

Lidia adesso aspetta.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s