Anna Utopia Giordano

Leave a comment

Qualche giorno di fine estate.
Uscivano a lastre dalle labbra
ingabbiate forte senza istanti.
Le dita accarezzano e ridono su certe percezioni trasferite 
(meglio dei pensieri o del sapere)

Come sopportarsi nella comunicazione del silenzio ?

Spoglio il soggetto solo per sentire l'energia dei desideri e divoro per sentire meno l'inadeguatezza delle persone. Esiste l'esistenza?
Non è più tempo, tutto rimane equidistante e congruente agli steli primari…

Sanno che posso svegliare gli elementi e distruggere senza scegliere, sollevare senza fatica foglie e insetti  per allontanare il vento, mescolarmi con acidi e alcali per trovarmi qui e là, con o senza vita ? Loro lo sanno ?

Hanno conosciuto poco e di quella parete remota che oggi sale, ad occhi chiusi, in mezzo ad antenne e gemmazione non prevedono ritorno. S'aggrappa su noduli limacciosi e scoppiettanti.

Rilievi ordinari

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s